Novità

Il futuro dei lubrificanti speciali (parte 2)

07. Aprile 2017

Il futuro dei lubrificanti speciali (parte 2)

Nella nostra nuova serie di interviste, gli esperti di Klüber Lubrication rispondono a domande relative alle tendenze future e alle innovazioni nell’ambito dei lubrificanti speciali. Dr. Stefan Seemeyer, Responsabile…

Quali sfide dovrà superare il lubrificante speciale del futuro?

A molti dei nostri clienti vengono richiesti soprattutto prodotti con parametri prestazionali superiori quali compatibilità dei materiali, riduzione della rumorosità o lubrificazione a vita. Inoltre, le normative in materia di sostanze chimiche complicheranno notevolmente lo sviluppo di lubrificanti speciali per uso globale.

 

Quali potrebbero essere le sfide e le conseguenze delle normative?

In Europa il regolamento REACH obbliga Klüber Lubrication a realizzare prodotti utilizzando esclusivamente materie prime e additivi registrati e omologati. In altre regioni e Paesi vigono normative simili ma non conformi a REACH. Ad esempio, una materia prima può essere omologata in Europa ma non in un’altra regione. Inoltre siamo tenuti a osservare le normative relative ai rispettivi settori, per esempio l’omologazione per l’uso di lubrificanti speciali nell’industria alimentare, oppure i parametri di biodegradabilità dei lubrificanti per il settore marittimo. In futuro sarà sempre più difficile reperire materie prime e additivi omologati e utilizzati in tutto il mondo. L’acqua può giocare un ruolo sempre più importante come componente per lubrificanti speciali.

L’acqua…non è un lubrificante speciale piuttosto inconsueto?

A prima vista sicuramente sì. Siamo consapevoli che i nostri clienti e i partner di sviluppo sono scettici nei confronti dei lubrificanti a base acqua, e di certo è anche vero che l’acqua presenta determinate limitazioni fisiche e biologiche, ad esempio evaporazione, punti di congelamento, ossidazione (corrosione) e crescita microbiologica.

Tuttavia, siamo in grado di spostare questi limiti. Mediante l’uso di additivi o l’applicazione di soluzioni tecniche sul componente è possibile beneficiare degli effetti specifici dell'acqua. Ad esempio, l'acqua volatilizzata può essere impiegata per il raffreddamento trattenendola in un circuito all’interno di un componente chiuso. Determinati additivi possono ridurre la crescita microbiologica o proteggere il componente dalla corrosione.

Qual è il ruolo futuro dei lubrificanti a base di acqua?

L’acqua è una materia prima comune e sostenibile. È molto improbabile che venga proibita in futuro.

La nostra tecnologia è chiaramente nuova e innovativa. In determinate circostanze, un lubrificante a base acqua non è paragonabile a un lubrificante tradizionale e ci impone di ragionare diversamente. Questo ci porta a rivalutare e adeguare misurazioni, procedure di test e banchi prova.

Da un punto di vista chimico e tribologico, ritengo che i nostri lubrificanti a base acqua ci apriranno tante nuove opportunità. Per noi sarà importante individuare applicazioni idonee in cui sfruttare le proprietà dell'acqua.

Se desiderate ricevere maggiori informazioni sui lubrificanti speciali a base acqua, vi preghiamo di inviare una e-mail a klita@it.klueber.com.