Novità

Ridurre il rischio di contaminazione da MOSH/MOAH nei lubrificanti

18. Ottobre 2017

Ridurre il rischio di contaminazione da MOSH/MOAH nei lubrificanti

I lubrificanti H1 di Klüber Lubrication sono conformi alla normativa 21 CFR § 178.3570 emessa dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.

È importante proteggere l'organismo umano dall'introduzione di tracce di oli minerali come i composti chimici MOSH (idrocarburi saturi) e MOAH (idrocarburi aromatici).  Anche in piccole quantità, tali composti possono infatti causare effetti indesiderati sul fegato, e sono stati avanzati sospetti su una possibile attività cancerogena. L'UE pertanto ha imposto controlli più rigorosi sugli idrocarburi degli oli minerali contenuti negli alimenti e nei materiali e articoli ad uso alimentare che entrano in contatto con il cibo. Tale circostanza ha prodotto un forte impatto sui produttori alimentari, poiché le informazioni emerse sui MOSH / MOAH possono avere effetti negativi, come costosi richiami di merce o danni alla reputazione dell'azienda.

Lubrificanti ad alte prestazioni per l'industria alimentare

Gli oli minerali possono entrare nella catena alimentare attraverso il processo produttivo e le sostanze utilizzate, inclusi i lubrificanti selezionati per la produzione e l'imballaggio alimentare.  Gli esperti di tribologia di Klüber Lubrication studiano questo problema da tempo, sviluppando numerosi lubrificanti specifici in linea con i più elevati standard di igiene, secondo le raccomandazioni dell'autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). I lubrificanti per il contatto accidentale con gli alimenti possono essere costituiti da oli non a base di alcani, come olio di silicone o PFPE, o da idrocarburi sintetici o non sintetici.  Tutti gli oli bianchi non sintetici utilizzati da Klüber Lubrication per i prodotti NSF-H1 sono altamente purificati e quasi totalmente privi di composti aromatici. 

"Uno dei vantaggi dei nostri lubrificanti innovativi ad elevate prestazioni consiste nel limitato quantitativo necessario per ottenere l'effetto di lubrificazione desiderato, e i nostri specialisti in tribologia sono costantemente impegnati a ridurre ulteriormente tale quantità" afferma Jürgen Murhammer, Global Market Manager Food Industry presso Klüber Lubrication.  "Anche con i più elevati standard di igiene, non è infatti possibile escludere una contaminazione, anche incrociata, con queste sostanze durante la produzione, il trasporto e lo stoccaggio, a causa di fuoriuscite, vapori, perdita per evaporazione o ventilazione. Inoltre, servizi di alta qualità, come le nostre regolari analisi sui lubrificanti, possono contribuire ad identificare ed eliminare precocemente i rischi di contaminazione".

Norme e valori limite

I lubrificanti H1 di Klüber Lubrication sono conformi alla normativa 21 CFR § 178.3570 emessa dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti d'America, ovvero sono progettati per il contatto accidentale e involontario con gli alimenti.  Devono essere utilizzati nella quantità minima necessaria per ottenere l'effetto tecnico desiderato e nessun prodotto che non sia H1 deve essere impiegato negli impianti di lavorazione dei cibi e nelle zone circostanti  L'uso corretto dei lubrificanti H1 solitamente implica l'assenza di contatto con gli alimenti.  In caso di contatto inevitabile, la quantità di lubrificante nel cibo non deve superare 1 ppm per gli oli di silicone e 10 ppm per tutti gli altri oli di base. 

Vista la complessità dei metodi per determinare la quantità di idrocarburi degli oli minerali nel cibo, in Europa attualmente non esistono analisi standard né sono stati fissati valori limite per legge.  Il Ministero tedesco per l'alimentazione e l'agricoltura (BMEL) prevede di introdurre valori limite per la migrazione attraverso le confezioni, che potrebbero coincidere con max. 2 mg MOSH/kg di cibo e 0,5 mg MOAH/kg di cibo.  I metodi di analisi per determinare la presenza di idrocarburi degli oli minerali sono in continua evoluzione, pertanto il limite di rilevazione è sempre più basso.  Generalmente questo tipo di analisi è effettuato tramite accoppiamento in linea di cromatografia (HPLC-GC/FID). I limiti per il rilevamento dipendono sostanzialmente dalla distribuzione degli idrocarburi degli oli minerali sul campione e dal tipo di campione utilizzato.  Per esempio, nei campioni con un elevato contenuto oleoso, il rilevamento è limitato a circa 5 mg MOH/kg di cibo, mentre per i campioni secchi è possibile rilevare 0,1-0,5 mg/kg.

In caso di dubbi, meglio rivolgersi a un esperto

La gamma di lubrificanti H1 di Klüber Lubrication mantiene la contaminazione da MOSH/MOAH al di sotto dei limiti del BMEL anche in caso di contatto diretto con gli alimenti, e sotto ai 10 ppm di lubrificante nell'alimento (limite imposto dalla FDA). Inoltre, Klüber Lubrication ha un ruolo attivo presso lo EHEDG (European Hygienic Engineering and Design Group), e sostiene i propri clienti nella riduzione dei rischi derivanti da ogni tipo di contaminazione alimentare, inclusi i lubrificanti in generale, a base di idrocarburi o meno, e le particelle da usura.  Il team globale di esperti dell'industria alimentare di Klüber Lubrication ha progettato un pacchetto completo di servizi per assistere i propri clienti in questo ambito, comprensivo di analisi di tribologia, valutazione del rischio, controllo dei lubrificanti e corsi di formazione.