Analisi periodiche per una programmazione efficace della lubrificazione

Per effettuare efficaci interventi di manutenzione che tutelino preventivamente l’efficacia operativa, è indispensabile innanzitutto valutare lo stato dell’impianto. Come? Attraverso il ricorso ad analisi periodiche degli oli e dei grassi lubrificanti che consente di prendere decisioni cruciali in merito alla programmazione degli interventi manutentivi

La gestione della manutenzione degli impianti è un tema di primaria importanza per garantire il corretto funzionamento dei macchinari e minimizzare i costi di esercizio. Per quanto sia nota l’importanza di investire in tal senso tempo e risorse adeguati, e per quanto sia risaputa la potenzialità dannosa di un approccio «a rottura», molto spesso le esigenze e le priorità di lavoro quotidiane costringono a ricorrere a un approccio reattivo, piuttosto che a uno più virtuoso di matrice proattiva. La definizione di un piano di manutenzione ottimizzato prevede un corretto bilanciamento tra azioni di manutenzione preventiva, predittiva e condition-based maintenance. La valutazione del rapporto costi-benefici delle varie attività sui singoli macchinari consente di calibrare al meglio la pianificazione, differenziando tra i componenti più strategici e quelli secondari.

 

L’analisi dei lubrificanti

Come possiamo migliorare la conoscenza dello stato dei nostri impianti  così da identificare il corretto approccio manutentivo, e programmarne gli interventi al fine di assicurare la massima operatività? Oltre ai numerosi strumenti e sensori disponibili sul mercato, in grado di valutare innalzamenti termici, fenomeni vibrazionali, malfunzionamento dei componenti, fenomeni acustici ecc., non è da sotovalutare la possibilità di ricorrere all’analisi dei lubrificanti in esercizio.

I lubrificanti, che garantiscono il funzionamento degli impianti, rappresentano infatti una fondamentale fonte di informazioni sullo stato dei macchinari, in quanto possono fornire dati sull’usura dei componenti, su eventuali contaminazioni esterne, oltre che sullo stato di degradazione del prodotto stesso. Il ricorso ad analisi periodiche degli oli e dei grassi lubrificanti consente di prendere decisioni cruciali in merito alla programmazione degli interventi manutentivi, garantisce una maggiore conoscenza dello stato dei vostri impianti di produzione e permette la prevenzione di possibili fermi macchina.

In linea generale, grazie al ricorso periodico alle analisi tribologiche è possibile mantenere sotto controllo alcuni parametri cruciali, consentendo una maggiore efficienza nella gestione degli impianti.

 

Prelievo, tempestività, interpretazione

Per poter sfruttare al massimo tutte le informazioni derivanti dalle indagini sui lubrificanti ed ottenere un supporto efficace, è necessario seguire con attenzione tutte le istruzioni fornite dal vostro partner per le analisi di laboratorio. In particolare sono fondamentali i seguenti aspetti:

  • Rappresentatività del campione prelevato
  • Tempestività nell’invio
  • Corretta interpretazione dei dati

Il campione di lubrificante prelevato deve essere quanto più rappresentativo possibile, grazie ad un prelievo effettuato nel modo e nel luogo più idonei. L’invio del campione al laboratorio dovrà essere tempestivo, così da poter intervenire con urgenza nei casi di alti livelli di contaminazione, usura o degradazione. Una corretta interpretazione e definizione della «diagnosi» e della «cura» rendono l’analisi funzionale e utile alla definizione di azioni correttive. Per questo motivo il vostro laboratorio di fiducia sarà tanto più efficace quanto maggiore è il livello di competenza ed esperienza applicativa dei lubrificanti sugli specifici componenti.

 

Online Oil Condition Monitoring

Il crescente impatto della digitalizzazione a livello industriale coinvolge in maniera importante tutto il mondo della manutenzione, consentendo un maggiore livello di informazioni in tempo reale che permette di prendere decisioni strategiche sulle attività quotidiane e sugli investimenti a medio-lungo termine.

Anche i lubrificanti, potendo essere analizzati online con i più moderni strumenti, giocano un ruolo importante nella partita della digitalizzazione. Sebbene il livello di informazioni ottenibile non sia paragonabile a quello di un’indagine effettuata in laboratorio, la misurazione di alcuni parametri cruciali consente di prevenire alcune forme di degradazione e usura, potendo avvalersi di un livello di tempestività infinitamente superiore rispetto alle analisi «off-line».

 

Interpretazione corretta e digitalizzazione

Così come avviene per le analisi di laboratorio, anche nel caso del monitoraggio online è fondamentale l’interpretazione corretta dei dati e la contestualizzazione alle condizioni di esercizio: solo in questo modo è possibile ottenere un monitoraggio efficace e prendere di conseguenza decisioni adeguate in ambito manutentivo. Un falso positivo o un falso negativo possono portare rispettivamente a definire delle azioni eccessivamente cautelative o a non prevenire grave criticità, portando a situazioni di inefficienza.

Grazie ad un dettagliato programma di Digital Services, Klüber Lubrication fornisce ai propri Clienti una consulenza approfondita volta a definire in modo personalizzato il miglior sistema di prevenzione. In caso di componenti o macchinari per cui si riscontra un elevato rischio ed elevati costi di fermo macchina (che siano essi legati al valore della ripa-razione o al valore della mancata attività), è possibile attivare specifiche collaborazioni per individuare le soluzioni di oil condition monitoring più adeguate (scelta degli strumenti e sensori più idonei) e il modello di interpretazione dei dati, che potrà essere costruito in sinergia tra Klüber Lubrication, l’OEM e il Cliente.

 

 

Articolo pubblicato su Professione Montagna n° 159 (marzo/aprile 2021)

Contattaci

Contattaci

Siamo a tua disposizione per qualsiasi richiesta!

Per ulteriori informazioni sul trattamento dei data forniti tramite la scheda di contatto, preghiamo vedere la nostra privacy policy.